Destini Distratti

Vorrei che tu mi Notassi
In un Giorno di inverno
Io sarei Seduta a un tavolino
Al centro del Gelo
Con un caffè tra le Mani
E la testa inclinata da un Lato
La foglia si muoverebbe Appena
Sotto una coltre di fili d’Argento
E il mio sguardo sarebbe Perso
In quei Portoni semichiusi
Chè spalancano Possibilità
Tu passeresti Distratto
Dal Suono di un clacson
E ti abbasseresti solo un Istante
Per raccogliere un piccolo Suono
Che brilla di Silenzio
Allora io saprei di essere stata Trovata
Senza essermi fatta Cercare
Non ci incontreremmo Mai
E saremmo insieme per Sempre
Nell’istante Preciso
Che Non c’è

Pubblicato da Brunina

Il bambino dentro di noi ci chiama: ci implora di ascoltarlo. E noi, abbiamo bisogno di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: