Solitario Viaggio

Daria Petrilli

Non avevo che mani Sporche
Di Poesia
Le lavavo alla Fontana
E speravo che il Giorno
Sarebbe stato Lieve
E la notte Generosa
Dipingevo allora Quadri
Nell’Aria
E attendevo che tu li Ammirassi
E mi Dicessi
Brava
Ma ero Invisibile
Il Suono dei miei Pensieri
Era un Silenzioso
Viaggio
Che compivo da Sola
Un giorno mi sono Guardata
Allo Specchio
E mi sono Riconosciuta
Sono uscita in Giardino
E ho raccolto Parole per me
Come Fiori te le ho donate
Per Dirti
Grazie
Per Dirmi
Ora
Devo Andare

Pubblicato da Brunina

Il bambino dentro di noi ci chiama: ci implora di ascoltarlo. E noi, abbiamo bisogno di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: