Caos calmo

Nikolina-Petolas-Dust-Devil-Highlark

Gli oggetti cominciarono a volare

Impazziti e impertinenti

Ogni cosa non voleva più stare al suo posto

Ciò che doveva stare sotto fluttuava nell’aria

Le porte chiuse si erano aperte e cantavano a squarciagola

Il tempo, pentito di essere passato, aveva deciso di fermarsi e giocare a nascondino

E l’aria era elettrica e arruffata

Perché si era riempita di cose

Di tutte le cose vissute e volute

Che erano fuggite dagli angoli della memoria

Per spargersi in piazza

Sotto gli occhi increduli degli abitanti del Tempo che fu

E io me ne andavo a passeggio

Con il mio fedele amico, incurante del caos

Nel mezzo della tempesta avanzavo

Capelli al vento

Respiro calmo

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.