Un amore di altri tempi

MATRIMONIO NONNI

I loro nomi erano Costanza e Battista ma tutti li chiamavano Tina e Tino.
Erano cugini di primo grado e per sposarsi dovettero ricevere la dispensa dal Papa in persona.

Lei era Romana, lui viveva sul Lago, lontano.

Costanza aveva 16 anni, capelli castani lunghissimi, che scendevano morbidi lungo la schiena, oltre le natiche e ancora più giù…

Li portava raccolti in una crocchia che leNONNA TINA conferiva un aspetto austero e riservato.
Gli occhi color delle nocciole, il naso leggermente curvo donava al viso un’eleganza antica…

Sembrava triste.
Era una donna misteriosa, pervasa da un’aurea malinconica…
Eppure.
Era dolce, di una dolcezza misurata, mescolata ad una passione che solo a lui fu dato
conoscere…

 

nonno tino 2

 

Lui era un Uomo.
Uno di quegli uomini completi, di tutto.
C’era l’ardore, c’era la dolcezza, c’era la pazzia, la determinazione, la responsabilità…

C’era la tenerezza mescolata con la virilità.

E c’era la voglia di vivere, di fare e di essere.
Si scrivevano lettere d’amore, e cartoline in bianco e nero che firmavano sempre con un “Tua per sempre” piuttosto che     “Il mio amore ti accompagna ovunque”.
O in francese, per mascherare i loro segreti.

Cose di altri tempi.
Appunto.

Così vissero una Vita piena, piena di tutto quello di cui si può riempire una Vita.
Una Vita di altri tempi.

Piena di fatica.
E di lavoro.  Alla bottega di alimentari e all’ “Osteria Risorgimento”.
E di sacrifici, durante una Guerra lontana, che si avvicinava tanto quanto bastava per averne paura.

E di corse in moto.
Perché le passioni non vennero mai soffocate dall’amore…
Come quella volta in cui lui fu portato al negozio dopo un incidente, il volto coperto di sangue mascherato al punto che lei non lo riconobbe e scossa e intenerita esclamò “Oh povero ragazzo, cosa gli è successo?”

Per poi capire che era proprio lui, suo marito, al ritorno da una delle sue scorribande questa volta finita male…

Due figlie così diverse, una cascata impetuosa e roboante, l’altra timido ruscello al riparo della montagna.

Entrambe agli studi, perché così voleva lui: che avessero un vero futuro, nel futuro a venire.

Sacrifici e amore, sudore e speranza.

Nel mentre loro due, sempre uniti, sempre insieme.
E intanto la Vita correva e scorreva, sulle strade di sempre e sui sentieri del tempo,
passando per le stagioni della semina, del raccolto, e della conserva.
E regalando quei frutti dolci e maturi che solo seduti all’ombra di una Storia intrisa di Vita puoi gustare.
Due nipotine cui fare da Nonni.
E che nonni!

Nonno Tino era un “ballista”,  raccontava le “balle” lui, che tanto facevano ridere la piccola Bruna…
Nonna Tina era dolce e discreta, giocava al negozio e nessuna era più brava di lei…
Nonno pescava alborelle, raccontava barzellette e assaggiava olio di oliva sul palmo della mano, come faceva alla bottega
Nonna cucinava il pollo nella padella grande e faceva assaggiare alla nipote il boccone
prelibato, prima del pranzo.
Le spazzolava i capelli e cantava vecchie canzoni.
La mattina la bambina entrava nel loro letto, le sembrava alto e immenso: dentro
trovava profumo di cuore, due corpi ancora freschi di baci e sguardi complici.
Si amavano di un amore lontano, delicato e presente, fiorito a dispetto del tempo.
Quando la ricoverarono fu tutto in caduta libera, un errore dopo l’altro, un destino sbagliato, nel posto sbagliato …
Dopo l’operazione e il dolore provato Lei lo guardò con il suo sguardo gigante, magnanimo e gli disse “Ora mi sento una regina”.
Lui la vide andarsene così, come uno scherzo.. un’altra delle sue balle, solo che stavolta era per davvero…

Non erano più insieme su questa Terra, ma era come se lo fossero.

Lui non si dette mai pace.
Un ricordo vivido, come se fosse ieri, in un gesto ripetuto tutte le volte che passava davanti alla sua foto… lo sguardo velato di lacrime, quel volto fra le sue mani e poi baci, baci e ancora baci, per il Suo Amore scomparso, per il suo Amore passato, per il Suo Amore presente: Amore mio per sempre, che morte non ci potè separare.

lettera.jpg

Un pensiero riguardo “Un amore di altri tempi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.